Donare ora

Il sito della CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo utilizza cosiddetti cookie. Consultandone le pagine, vi dichiarate d’accordo con tale impiego. Leggete la dichiarazione sulla protezione dei dati.

Accettare

Cause della sordità e misure preventive

Un bimbo indiano con un apparecchio acustico in braccio alla sua mamma.
Likith bimbo di due anni nato in India non sentiva praticamente nulla. Per mezzo del progetto promosso dalla CBM il bambino ha ricevuto degli apparecchi acustici. Nel frattempo ci sente, reagisce alle parole dei suoi genitori e ora sa già dire «Mamma»!

Quattro persone audiolese su cinque vivono in regioni in via di sviluppo. Le cause sono molteplici. Si potrebbe già fare molto con gli apparecchi acustici che sono urgentemente necessari.

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in tutto il mondo circa 350 milioni di persone soffrono a causa di handicap uditivi e l’80 per cento di essi vive in aree in via di sviluppo.  

Esistono diversi gradi di perdita dell’udito: leggero, medio, severo e profondo. Se una persona non sente il ticchettio di un orologio da polso corrispondente a circa 20 decibel, presenta un grado leggero di perdita uditiva. Una perdita uditiva severa si ha invece se non si sente più il proprio interlocutore quando parla normalmente, il che corrisponde a circa 60 decibel. Le persone sorde non sentono quasi nulla o nulla.

Cause della perdita uditiva

Un handicap uditivo può presentare varie cause. Si deve distinguere tra la sordità genetica e quella acquisita. Le cause della perdita genetica dell’udito (anche una perdita uditiva che avviene nelle prime settimane di vita) possono essere:

  • un difetto genetico (in certi casi ereditario)
  • la rosolia o altra infezione contratta durante la gravidanza
  • farmaci dannosi per l’udito assunti durante la gravidanza
  • il peso basso alla nascita
  • la mancanza d’ossigeno durante il parto
  • l’itterizia del neonato nelle prime settimane di vita

Se la sordità è acquisita possono esserne responsabili le seguenti cause:

  • infezioni come parotite, morbillo o meningite
  • l’otite media cronica una delle cause più frequenti nei bambini
  • lesioni o ferite
  • l’assunzione di farmaci dannosi per l‘udito (p.es. antibiotici, medicine contro la malaria)
  • il rumore
  • l‘otturazione del canale uditivo
  • l‘età

Che cosa si può fare per combattere la disabilità uditiva

La prevenzione e i trattamenti precoci potrebbero prevenire la metà di tutte le disabilità uditive a livello mondiale. Nei bambini addirittura per il 60 per cento. Le misure preventive principali sono le vaccinazioni precoci dei bambini contro le infezioni di rosolia, morbillo e meningite come pure la vaccinazione delle bambine e delle donne contro la rosolia. Altrettanto importanti sono le visite regolari alle donne incinte, lo sviluppo dell’ostetricia e la sensibilizzazione delle persone riguardo ai pericoli delle medicine dannose per l’udito.

È un triste dato di fatto: di tutti gli apparecchi acustici necessari nel mondo, soltanto il dieci per cento sono disponibili. Questo perché a livello globale vengono prodotti troppo pochi apparecchi per l’udito. Nelle regioni in via di sviluppo questa mancanza è ancora maggiore.

Per rimediare a questa difficoltà la CBM insieme ad altre organizzazioni e l'OMS ha lanciato la campagna WWHearing (Worldwide Hearing Care for Developing Countries/Assistenza Sanitaria Mondiale ai sordi nei Paesi in via di sviluppo) affinché ottenga un apparecchio acustico qualunque persona ne abbia necessità. Inoltre nelle aree in via di sviluppo la CBM si occupa di progetti nel settore della salute delle orecchie.

Come aiutarci

Con la vostra donazione sostenete le persone affette da disabilità uditive nelle regioni in via di sviluppo.

Per saperne di più

Condividere contenuto

Logo CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo, Pagina di arrivo