Il sito della CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo utilizza cosiddetti cookie. Consultandone le pagine, vi dichiarate d’accordo con tale impiego. Leggete la dichiarazione sulla protezione dei dati.

Accettare

Dopo lo tsunami, la CBM ha prestato aiuti d’emergenza a Sulawesi

A fine settembre 2018, un terremoto con conseguente tsunami ha devastato l’isola indonesiana di Sulawesi. Lo sconvolgente bilancio parla di oltre duemila morti e più di 190'000 persone, tra cui molti disabili, bisognosi di assistenza. La CBM ha prestato aiuti d’emergenza.

Un uomo in mezzo alle macerie lasciate dallo tsunami.
La catastrofe ha devastato l’isola indonesiana di Sulawesi.

Il 28 settembre 2018, un sisma di magnitudo 7,4 ha scatenato uno tsunami che ha devastato la costa occidentale dell’isola di Sulawesi. Secondo le informazioni ufficiali, il maremoto ha causato oltre duemila morti e 10'000 feriti. 

La città costiera di Palu è uno dei centri più duramente colpiti. Numerosi edifici, ospedali, strade e ponti sono andati completamente distrutti. Le reti di approvvigionamento elettrico e idrico sono collassate. Dopo il terremoto, le autorità hanno lanciato un allarme tsunami, tranne poi revocarlo poco dopo. La popolazione è così stata sorpresa dal maremoto senza possibilità alcuna di mettersi al sicuro.  

190'000 persone hanno bisogno di aiuto

Secondo le Nazioni Unite oltre 190'000 persone hanno bisogno di aiuti d’emergenza. 88'000 hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni, molte di loro hanno così perso tutto. La catastrofe ha colpito anche numerosissime famiglie con membri disabili, come Sofyan, paraplegico. Il trentottenne ha avuto fortuna, non è rimasto imprigionato tra le macerie della sua casa. Anche la nipote, che si prende cura di lui, e i due figli di lei sono sopravvissuti. Ma ora come possono andare avanti senza un tetto, farmaci e materiale sanitario?

Le persone con disabilità, pur essendo particolarmente vulnerabili a questi disastri, vengono sovente escluse dai soccorsi. Chi soffre di un handicap motorio o visivo difficilmente riesce a raggiungere i punti di distribuzione degli aiuti. La CBM e i suoi partner si accertano pertanto che i disabili abbiano accesso a questi aiuti e che le loro specifiche esigenze vengano considerate. 

Aiuti d’emergenza della CBM

Un uomo sdraiato sulla schiena viene visitato in un ambulatorio mobile.
Sofyan riceve assistenza medica da una squadra mobile sostenuta dalla CBM.

L’organizzazione indonesiana Yakkum, specializzata negli interventi in caso di catastrofe e da anni partner della CBM, ha prestato gli aiuti in loco. La sua squadra mobile ha raggiunto circa 1500 persone. I disabili hanno ricevuto mezzi ausiliari come stampelle, bastoni e occhiali. Si è inoltre occupata di formare altre organizzazioni su come raggiungere in modo mirato le persone con disabilità.

In una seconda fase del progetto, cinquecento famiglie hanno ricevuto aiuti finanziari diretti per procurarsi ciò di cui necessitavano maggiormente. Con questo sistema, i commercianti locali non vengono messi alle strette dalla distribuzione di aiuti umanitari. La consegna di contanti si è rivelata un metodo in genere più efficace della distribuzione di beni di prima necessità.

Tramite la YEU, la CBM ha aiutato circa 550 famiglie monoparentali e nuclei familiari con disabili e anziani a ricostruirsi le basi esistenziali. Per far sì che le persone colpite potessero riprendere la loro attività o avviarne una nuova, ha offerto l’accompagnamento di specialisti, un capitale iniziale, esercitazioni e altre misure mirate.

Condividere contenuto

Logo CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo, Pagina di arrivo