Donare ora

Il sito della CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo utilizza cosiddetti cookie. Consultandone le pagine, vi dichiarate d’accordo con tale impiego. Leggete la dichiarazione sulla protezione dei dati.

Accettare

Una vita piena grazie agli aiuti oculistici

Grazie al programma keniota per ipovedenti, Kenneth e Augustine hanno ricevuto le cure e i mezzi ausiliari di cui avevano bisogno e hanno potuto seguire i loro talenti e i loro interessi. Oggi, Kenneth frequenta l’università e incoraggia le famiglie con bambini con disabilità: «Anche i vostri figli hanno delle opportunità!».

«Vedo già molto meglio!»

Mayank non ricorda di aver mai visto bene. Dopo che una squadra esterna gli ha diagnosticato la cataratta, il ragazzino viene sottoposto a un intervento che gli ridona la luce.

Mamma, sei tu?

Assieme alla vista, la cataratta aveva portato via anche l’infanzia della giovane Whitney di dieci anni dall’Uganda, che non poteva né imparare a leggere e scrivere né giocare con le amiche. La svolta è giunta quando la mamma è venuta a sapere che l’ospedale Mengo sostenuto dalla CBM cura anche le famiglie indigenti. Oggi Whitney ci vede di nuovo!

Rajkali non è più sola

Nelle regioni povere, per le persone con disabilità è difficilissimo condurre un’esistenza vita economicamente autonoma. Grazie al sostegno di Naman, partner della CMB, Rajkali Varti e migliaia di altre persone oggi riescono a conseguire un reddito grazie all’agricoltura biologica.

Forte grazie alla scuola inclusiva

Julienne è cieca e da sei anni frequenta il centro scolastico promosso dalla CBM a Yaoundé, la capitale del Camerun. Il promovimento individuale sta dando ottimi frutti, oggi la ragazzina è infatti tra i migliori della classe e pensa con ottimismo al futuro.

Finalmente vedere il proprio figlio

La vista di Saritha dall’India aveva incominciato a peggiore progressivamente già prima della nascita di suo figlio, che non aveva mai potuto realmente vedere. La sua gioia dopo l’intervento è stata immensa.

«Il dottore ha pulito il mio occhio»

Navraj dall’India ha la sindrome di Down e vive in orfanotrofio. La sua vista sta calando a causa della cataratta. Per fortuna, viene individuato dalla squadra mobile della clinica sostenuta dalla CBM.

«Bisogna solo dar loro l’opportunità di dimostrare quanto valgono»

Nel Burkina Faso occidentale, giovani e adulti ciechi imparano a leggere e scrivere, e a svolgere un mestiere per poter condurre una vita autodeterminata. Irené Traoré è uno di loro.

Promuovere i talenti, sviluppare il potenziale

Monica, Antonia e la nipote Jennifer dalla Bolivia si sono trovate in una situazione senza apparente via d’uscita. Il partner della CBM Mundo Inclusivo le ha sostenute individualmente e ha regalato loro nuove prospettive.

Sentirsi di nuovo un essere umano

Sono diventati estranei a familiari e amici, spesso anche a sé stessi. Grazie all’assistenza di base sostenuta dalla CBM, in Burkina Faso le persone colpite da disturbi psichici riescono a riprendere in mano le redini della loro vita.

Condividere contenuto

Logo CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo, Pagina di arrivo