Il sito della CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo utilizza cosiddetti cookie. Consultandone le pagine, vi dichiarate d’accordo con tale impiego. Leggete la dichiarazione sulla protezione dei dati.

Accettare

La CBM soccorre le persone disabili in emergenza e a lungo termine

Nel caso di una catastrofe è urgente non perdere tempo e prestare un aiuto inclusivo che in più deve contrastare in maniera sostenibile eventuali disastri futuri. Per questo la CBM oltre alle misure urgenti, mette in pratica i progetti per la prevenzione delle catastrofi. La CBM distingue tre fasi. 

In caso di catastrofe le persone con disabilità soffrono particolarmente, dato che spesso restano escluse dai soccorsi generali. In mezzo alle rovine causate da un terremoto, oppure nelle zone allagate, le persone con disabilità fisiche o visive possono a stento muoversi o affrontare difficoltà. In stato di necessità la CBM assiste tutte le persone colpite, ma mette al centro soprattutto l’aiuto alle persone con disabilità. 

Fase 1: soccorso urgente per le persone disabili

La CBM aiuta le persone bisognose direttamente sul posto, per mezzo di partner locali, in modo veloce e non burocratico, concretando un aiuto immediato e inclusivo, accogliendo le richieste specifiche delle persone con disabilità. Anche loro hanno bisogno di accedere agli alimenti, a un alloggio temporaneo, a indumenti e a programmi locali d’aiuto. Perciò la CBM elimina le barriere che impediscono loro questa accessibilità. 

Inoltre distribuisce ausili come per esempio le sedie a rotelle, presta assistenza medica sanitaria e per trasferimenti in denaro contante.

Fase 2: ricostruzione

Le persone devono poter ritornare il più presto possibile a vivere una vita normale. In primo luogo si devono asportare i detriti e ricostruire gli edifici. È importante ricostruire senza barriere architettoniche. Da un lato è molto più facile per le persone disabili affrontare la vita quotidiana, dall’altro, se dovesse capitare un altro disastro avrebbero nettamente migliori possibilità di sopravvivenza.

Le persone con disabilità collaborano direttamente alla pianificazione e alla realizzazione, in modo che gli edifici, le infrastrutture per i trasporti, i servizi, i sistemi di informazione e comunicazione diventino accessibili a tutti.

Inoltre, in considerazione delle esperienze traumatiche dei sopravvissuti, la CBM dà la possibilità di usufruire di assistenza psicologica e sociale.

Fase 3: assicurare un’esistenza in autonomia

Persone in Bangladesh salgono su una barca di salvataggio senza barriere architettoniche.
Nelle regioni colpite da inondazioni è importante ricorrere a barche prive di barriere per l’evacuazione delle persone con disabilità.

In una terza fase la CBM aiuta le persone che si trovano nelle zone colpite dalla catastrofe, a prepararsi ad affrontare una eventuale prossima catastrofe. Insieme alle autorità locali e alle scuole si costruiscono alloggi provvisori che siano accessibili alle persone con disabilità. I cooperatori della protezione civile vengono consigliati e istruiti, mentre si assistono le famiglie perché rendano resistenti ai disastri le proprie case e le fonti di sussistenza. Nel caso di un’altra catastrofe sapranno come reagire e dove trovare protezione e sostegno. 

Come aiutarci

Grazie per rendere possibili gli aiuti d’emergenza inclusivi e salvare molte vite.

Condividere contenuto

Logo CBM Missioni cristiane per i ciechi nel mondo, Pagina di arrivo